Giardinaggio

Come coltivare le ortensie in vaso o nel giardino

Le ortensie sono delle piante bellissime, che producono delle palle di fiori variopinti davvero di grande impatto estetico. Ma il bello […]

Le ortensie sono delle piante bellissime, che producono delle palle di fiori variopinti davvero di grande impatto estetico. Ma il bello di queste piante è che il colore dei fiori dipende dal tipo di terreno usato per la loro coltivazione: in sostanza a seconda dell’acidità del terriccio potrete ottenere un colore piuttosto che un altro! Coltivare le ortensie non è per nulla difficile: queste piante non sono particolarmente delicate quindi non dovrete preoccuparvi troppo di questo fattore. L’ortensia può essere coltivata sia in giardino che dentro casa, ma in quest’ultimo caso bisogna ricordare che la sua vita sarà più breve e bisogna prestare qualche attenzione in più alla pianta. Le poche cose da sapere per coltivare l’ortensia sono sempre le stesse: è fondamentale sapere dove collocarla per garantirle l’esposizione migliore, quanto annaffiarla e che tipo di terriccio utilizzare se la coltiviamo in vaso. 

Come coltivare le ortensie in giardino

Le ortensie sono fiori piuttosto resistenti, che non necessitano di attenzioni particolari. Sapere dove collocarle e quanto annaffiarle è però indispensabile per evitare che queste bellissime piante muoiano entro poco tempo. 

Dove collocare le ortensie: esposizione consigliata

L’ortensia non ama la luce solare diretta, che bisogna quindi evitare: conviene posizionarla all’ombra di un’altra pianta o di un albero in giardino, oppure comunque in zone che non ricevano la luce solare tutto il giorno. L’ambiente deve essere fresco ed umido, ma in inverno conviene fornire un riparo alle piante oppure portarle in appartamento per evitare che soffrano troppo le temperature rigide. 

Quanto annaffiare l’ortensia

L’ortensia è una pianta che necessita di annaffiature regolari e piuttosto abbondanti, soprattutto nel periodo estivo: l’ideale sono due annaffiature al giorno (una al mattino e una alla sera). Quando le temperature diventano più rigide, potete diminuire la quantità di acqua, che in tutti i casi dovrà essere quella piovana perchè l’acqua del rubinetto potrebbe essere deleteria per la vostra pianta! 

Come coltivare l’ortensia in vaso

Se preferite coltivare l’ortensia in vaso, le indicazioni da seguire sono le stesse però potrete giocare un po’ di più con i colori delle vostre piante e dovrete scegliere il terriccio più adatto. 

Il terriccio da usare

Il terriccio ideale per coltivare l’ortensia è quello fresco, mescolato ad un po’ di torba. Se però volete cambiare il colore dei fiori della vostra pianta, potete agire proprio modificando il ph del terreno: se infatti questo è basico le vostre ortensie produrranno dei bellissimi fiori di colore rosa, mentre se è acido questi diventeranno blu. Per ottenere una fioritura blu, potete aggiungere dei fondi di caffè al terriccio. 

Nel coltivare l’ortensia in vaso dovete prestare attenzione anche ai ristagni idrici, che sono dannosissimi per la pianta: attenti quindi al sottovaso, se notate dell’acqua svuotatela subito e diminuite la frequenza e la quantità di acqua perchè significa che state esagerando. 

Ti potrebbe interessare anche…