Gelsomino: come coltivare la pianta rampicante sul balcone e in giardino

Gelsomino: come coltivare la pianta rampicante sul balcone e in giardino

Il gelsomino è una pianta ornamentale tra le più utilizzate per abbellire il giardino o il balcone ma anche per formare una siepe divisoria e tracciare quindi una linea di confine. Esistono numerose varietà di gelsomino, ma tra le più popolari troviamo senza dubbio quella rampicante: come vedremo tra poco, grazie alla sua resistenza, questa pianta è perfetta e si presta benissimo sia alla coltivazione in vaso che in terra piena. Naturalmente, piantare il gelsomino nel proprio giardino è ben diverso dal metterlo in vaso sul balcone: stiamo parlando di una pianta che tende a svilupparsi parecchio, formando dei veri e propri cespugli ricchi di foglie e fiori. Ovviamente, se piantata in vaso non si svilupperà mai come in un giardino ma può comunque essere utilizzata come elemento di separazione, per avere una maggior privacy tra vicini di casa. 

Coltivare il gelsomino, in vaso oppure in terra piena, non è in tutti i casi difficile: questa pianta è molto resistente ma come sempre non deve essere trascurata: conviene quindi sapere di cosa necessita e come comportarsi per avere un gelsomino fiorito e in ottima forma!

Coltivare il gelsomino in giardino

GelsominoIl gelsomino dà il massimo quando viene coltivato in terra piena perchè può svilupparsi senza limiti e creare delle meravigliose siepi, profumatissime e colorate. Se posizionato in giardino direttamente nel terreno, il gelsomino non dovrebbe avere nessun problema a crescere rigoglioso ma bisogna prestare attenzione ad alcuni dettagli affinchè si sviluppi nel migliore dei modi. Innanzitutto, considerate che il gelsomino è una pianta rampicante: dovrete quindi preoccuparvi di fornirgli tutti i supporti affinchè possa svilupparsi in altezza (se volete creare una siepe potete anche usare della semplice rete perchè tanto sarà completamente coperta dalle foglie di questa pianta sempreverde). 

Per quanto riguarda la collocazione, non c’è da preoccuparsi troppo: questa pianta sta bene sia in zone soleggiate che in zone di penombra, soprattutto se in terra piena. Preoccupatevi di annaffiarlo in modo copioso (non troppo spesso) e verificate sempre che il terreno sia ben drenato. Il vostro gelsomino produrrà dei fiorellini profumatissimi e quando questi sfioriranno potrete comunque godervi la pianta, con le sue innumerevoli foglie sempre verdi. 

Coltivare il gelsomino in vaso

Coltivare il gelsomino in vaso richiede un po’ più di attenzioni: si tratta infatti di una pianta che ha bisogno di molto spazio perchè produce moltissime radici e soprattutto necessita di una certa profondità. In sostanza quindi, evitate di fare l’errore di piantare due piante in un unico vaso: lasciatene solamente una e vedrete che quando crescerà diventerà parecchio rigogliosa. Il terreno deve essere ben drenato e le annaffiature abbondanti come nel caso della terra piena: quando è posizionato in vaso però bisogna fare ancora più attenzione ai ristagni che sono dannosissimi per questa pianta. Un vaso bello grande e profondo vi garantirà una crescita rigogliosa ma se posizionate il vostro gelsomino sul balcone dovrete anche preoccuparvi di potarlo a fine stagione. 

Potrebbe interessarti anche…