Giardinaggio

Bouganville rampicanti: come coltivarle in giardino o sul terrazzo

La bouganville è una pianta davvero meravigliosa, con fiori di un colore acceso ed allegro, che nella sua varietà rampicante […]

La bouganville è una pianta davvero meravigliosa, con fiori di un colore acceso ed allegro, che nella sua varietà rampicante viene spesso utilizzata per abbellire le facciate delle case oppure il terrazzo. Questa pianta crea un grande impatto perchè appare come una macchia di colore (generalmente sulle tonalità del rosa e del viola) in grado di ricoprire anche tutta la casa. Perfetta se avete un gazebo in giardino o sul terrazzo, la bouganville è però piuttosto delicata e non tutte le zone d’Italia sono adatte alla sua coltivazione. Questa pianta è originaria del Sudamerica e necessita di un clima mite: se quindi vivete in una regione del nord Italia le condizioni climatiche potrebbero non essere favorevoli e la vostra meravigliosa pianta potrebbe non resistere, nonostante tutte le vostre cure. 

Coltivare la Bouganville è un po’ più complicato rispetto ad altre piante che abbiamo visto: questo perchè si tratta di una pianta delicata, ma non appena si troverà a suo agio e nelle condizioni ottimali vi darà delle grandissime soddisfazioni! Vediamo come prendercene cura nel migliore dei modi e sfruttare i meravigliosi fiori colorati di questa pianta per decorare il terrazzo o il giardino. 

Dove coltivare le bouganville

Le bouganville, come abbiamo appena accennato, possono essere coltivate in tutte le zone d’Italia ad eccezione di quelle con un clima troppo rigido. Questa piante hanno infatti bisogno di tanto calore ed umidità: posizionatele quindi in zone soleggiate e soprattutto molto riparate da eventuali colpi di vento o correnti fredde. 

Alcune varietà possono essere coltivate anche in vaso: in tal caso però non dovete sottovalutare il bisogno che queste piante hanno di ambienti umidi e ben caldi. Potete quindi tenerle sul balcone o sul terrazzo durante la bella stagione ma se in inverno le temperature dovessero scendere sotto i 15- 16° sarebbe meglio trasferirle all’interno, per evitare che soffrano troppo e muoiano. 

Quando portate le piante in casa, state attenti anche alla luminosità: collocatele accanto a delle finestre in modo che possano prendere quanta più luce solare possibile. 

Quanto annaffiare la bouganville

Questa pianta non ha bisogno di molta acqua: le annaffiature quindi non devono essere troppo frequenti anche perchè la bouganville sopporta senza alcun problema periodi di siccità ma tollera invece malissimo eventuali ristagni di acqua nel terreno. Nel dubbio quindi, meglio darle meno da bere che esagerare! 

Naturalmente, nei periodi più caldi e afosi anche questa pianta ha bisogno di un po’ di acqua: annaffiatela quindi solo quando sentite il terreno davvero secco, ricordandovi che non è certo la scarsità di acqua a mettere a rischio la sua sopravvivenza quanto piuttosto il contrario!

Parassiti rischiosi per la bouganville

Questa pianta è piuttosto resistente all’attacco dei parassiti quindi non c’è da preoccuparsi troppo, ma in alcuni casi può essere messa a dura prova dagli afidi (che abbiamo già visto come combattere con metodi naturali). Tenetela quindi sempre sotto controllo ed eventualmente preoccupatevi di liberarla da questi fastidiosi e minuscoli parassiti. 

Ti potrebbe interessare anche…