Ristrutturare il giardino: ecco quello che c’è da sapere

Ristrutturare il giardino: ecco quello che c’è da sapere

Sia che abbiate comprato una casa nuova, sia che abbiate voglia di cambiamento, la ristrutturazione del giardino è qualcosa che, prima o poi, va affrontato.

La ristrutturazione e la relativa manutenzione degli spazi verdi e delle piante ha bisogno, come tutte le opere che prevedono un rinnovamento, di interventi programmati che seguano un calendario ben preciso. Proprio per questo è bene rivolgersi a ditte specializzate come quella che si può trovare cliccando qui. Potrete unire ai lavori più strutturali anche la vostra personalizzazione, collaborando attivamente con l’azienda preposta, scegliendo con gli addetti ai lavori come muovervi in fase di progettazione. A questo, potrete anche unire piccoli e grandi lavori di Fai da te.  

Quali sono le fasi della progettazione di un giardino

Prima di tutto viene eseguito uno studio di fattibilità, e cioè l’analisi dell’esposizione del terreno alla luce e alle zone d’ombra.

Questa analisi è quella che andrà a definire che tipo di piante inserire nel giardino, gli ambienti per il relax, il gioco, o per posizionare zone con acqua come piscine e fontane.

Segue poi il progetto che va a contemplare lo studio degli spazi ed uno studio di fattibilità relativo al clima locale.

Si metterà poi su carta l’impianto di irrigazione, i punti luce, le zone relax, vialetti ed eventuali zone per gli animali domestici.

Le aziende specializzate forniscono ai proprietari dei progetti grafici in modo da fornire una visione d’insieme. Per le grandi opere vengono invece fornite diverse proposte tra cui scegliere.

Ma al di là degli aspetti puramente pratici, progettare un giardino significa creare un ambiente dove poter rilassarsi, da soli o in compagnia, e dove tutto deve trovarsi in armonia in un incastro di piante, fiori, luci e complementi d’arredo. È proprio per questo che ditta e proprietario lavorano in sinergia per la realizzazione del giardino perfetto.

È possibile ristrutturare il giardino senza spendere cifre eccessive?

Come per le altre spese relative alla casa, è possibile risparmiare anche ristrutturando un giardino. La prima cosa da fare è non fermarsi al primo preventivo o al migliore, ma verificare che la ditta incaricata lavori in modo da evitare di rimettere mano al giardino dopo poco tempo.

Esiste poi un bonus fiscale dedicato al rifacimento delle zone verdi anche se balconate e consiste in un credito d’imposta che copre il 35% delle spese e che viene erogato in 10 rate annuali. Il tetto massimo stabilito per questo bonus è di 5 mila euro.

Il Fai da te

Solo alla fine dei lavori più impegnativi potrete iniziare con i vostri lavori di fai da te e con la scelta delle piante e degli alberi che più vi piacciono o che più si addicono alle dimensioni del vostro giardino. Siete amanti della frutta? Perché non piantare un arancio o un limone? Sono alberi da frutto che impegnano poco tempo e che rendono molto, fin da subito.

Avete uno spazio ampio e vorreste viverlo sempre? Perché non comprare, o costruire, un bel gazebo sotto il quale trascorrere serene serate estive? La personalizzazione del proprio giardino dev’essere come quella delle stanze interne della casa, ovvero rispecchiare il vostro animo per diventare un’oasi di pace. Cercate di avere fin dal principio una visione di come vorreste avere il vostro giardino, in modo da poter procedere correttamente anche con l’impianto di irrigazione, quello elettrico e le opere in muratura.