Banner title

Tronchetto della felicità: ecco come prendersene cura al meglio

0

Il tronchetto della felicità (Dracaena Fragrans) è una delle piante da interni più amate e apprezzate e gran parte della sua fortuna è dovuta al fatto che questa pianta è tra le più resistenti che si possano trovare! E’ quasi impossibile far morire il tronchetto della felicità, perchè richiede pochissime cure e anche chi non ha il pollice verde può tenerlo in casa. Anche in caso di sofferenza, da quando la pianta lancia i primi segni di deperimento, passano diversi mesi prima di doverla proprio buttare. In sostanza quindi il tronchetto della felicità è adatto a tutti: proprio per questo viene scelto spesso come regalo ed è sempre molto apprezzato!

Tronchetto della felicità: guida alla coltivazione

Naturalmente, anche il tronchetto della felicità ha bisogno di qualche piccolissima attenzione, specialmente all’inizio: una volta trovata la giusta collocazione basterà dargli da bere ma come vedremo anche le irrigazioni sono poco impegnative.

Dove collocare il tronchetto della felicità

Stiamo parlando di una pianta tropicale: il tronchetto ha quindi bisogno di un clima caldo e umido. La temperatura ideale sarebbe intorno ai 25-26°, ma la pianta sopravvive benissimo anche a temperature inferiori: l’importante è non esporla mai a climi rigidi o lasciarla fuori durante il periodo invernale. Il tronchetto della felicità è una pianta perfetta da tenere in appartamento: se la temperatura non scende mai sotto i 10° sopravvive senza nessun problema! Se volete potete mettere il tronchetto anche sul balcone durante l’estate, ma ricordatevi di portarlo in casa non appena iniziano i primi freddi.

La pianta ha bisogno anche di tanta luce, quindi deve essere messa in prossimità di una finestra ma attenti ai raggi solari che potrebbero far bruciare le punte delle foglie.

Quanta acqua dare al tronchetto della felicità

Come abbiamo già accennato, questa pianta è molto resistente e non necessita di grandissime attenzioni. Anche le irrigazioni, rispetto ad altre piante, sono molto meno frequenti: il tronchetto può aver bisogno di acqua un giorno sì e un giorno no in estate, ma in inverno può rimanere senza bere anche per una settimana. 

L’importante è controllare sempre che non si formino ristagni nel sottovaso: sono deleteri anche per il tronchetto!

Tronchetto della felicità: malattie o problemi

Come abbiamo detto, il tronchetto non è una pianta che deperisce in fretta: quando vedete i primi campanelli d’allarme avete tutto il tempo per sistemare la situazione a salvare la pianta! Ecco come comportarsi a seconda del problema:

  • Foglie marroni: nella maggior parte dei casi il problema potrebbe essere l’eccessiva luce. Le foglie potrebbero essersi scottate per via dei raggi solari diretti, quindi conviene spostare il tronchetto in una zona più ombreggiata.
  • Punte secche: in questo caso il vostro tronchetto ha bisogno di bere. Potreste esservi dimenticati di annaffiarlo, quindi preoccupatevi di intensificare le irrigazioni controllando sempre che non rimangano ristagni nel sottovaso.

Ti potrebbe interessare anche…

 

Share.