Banner title

Sterlizia: trucchi e consigli per coltivare l’Uccello del Paradiso

0

La sterlizia è una pianta davvero meravigliosa, che produce dei fiori particolarissimi e tra i più belli esistenti in natura. Chiamata anche uccello del Paradiso, questa pianta è piuttosto semplice da coltivare e racchiude un significato simbolico molto interessante: per questo motivo viene spesso regalata ed effettivamente come idea regalo è sicuramente molto gettonata. La sterlizia può essere coltivata in giardino o sul balcone solamente nelle regioni con un clima mite, che non scende mai sotto i 5°: nelle altre zone conviene prevedere un riparo apposito per la pianta, che nei mesi invernali rischierebbe di morire per il clima troppo rigido. 

Prendersi cura di questa meravigliosa pianta, comunque, non è assolutamente complicato. L’importante è, come sempre, rispettare alcune regole di base molto semplici: collocarla nel posto giusto, irrigarla seguendo le indicazioni specifiche e riservarle quelle piccole attenzioni che in fin dei conti bisogna dare a qualsiasi tipo di pianta. 

Il significato simbolico della sterlizia

Il significato simbolico attribuito a questa pianta si può intuire anche osservandola: la sterlizia infatti è spesso simbolo di nobiltà, maestosità, eleganza. I fiori prodotti da questa meravigliosa pianta sono effettivamente di una bellezza straordinaria: sembra quasi impossibile che in natura possa esistere un qualcosa di così perfetto ed è per questo che la sterlizia viene associata a significati del genere. Come regalo quindi è perfetta, ma anche come pianta ornamentale in un giardino particolarmente curato. 

Come coltivare la sterlizia

Questa pianta non richiede particolari cure ed è piuttosto semplice da coltivare, ma come abbiamo già accennato è importante preoccuparsi degli aspetti basilari per evitare di farla morire troppo presto. 

Dove collocare la sterlizia: esposizione consigliata

SterliziaLa pianta necessita di molto sole, quindi l’ideale è collocarla in una posizione in pieno sole o comunque molto illuminata. Bisogna però ricordare che, sebbene sia molto resistente, la sterlizia rischia di soffrire se viene piantata in giardino e durante l’inverno le temperature scendono sotto i 5°. Se quindi vivete in una regione in cui il clima rischia di diventare rigido nel periodo invernale vi conviene pensare subito ad un riparo adeguato almeno per i mesi più freddi. In alternativa, potete coltivare la pianta anche in casa: assicuratevi però che sia posizionata in una zona molto luminosa altrimenti rischiate di farla soffrire parecchio. 

Quanto e come irrigare la sterlizia

Questa bellissima pianta deve essere annaffiata in modo abbondante, ma non in giugno e in luglio: in questi mesi infatti ha bisogno di poca acqua perchè è nel periodo del riposo e bisogna stare attenti che non si creino ristagni nel sottovaso. Per capire ogni quanto irrigare la sterlizia basta tastare il terreno: è sempre meglio evitare di annaffiarla se questo è ancora umido e conviene quindi aspettare che sia completamente asciutto prima dell’irrigazione successiva. La sterlizia comunque ama l’umidità quindi può essere molto utile nebulizzare le foglie. 

Ti potrebbe interessare anche…

Share.